METTI UN GIORNO AI LAGHI MELLA , CON LA SOLIDARIETA’

  METTI UN GIORNO AI LAGHI MELLA , CON LA SOLIDARIETA’                             

 

Arriviamo molto presto a Poncarale –BS- , io ( Fracassi Fabrizio ) Ciccio Famà e Rocco Scarcella,  c’è una fitta nebbia,è umido, ma siamo felici perché andiamo a trovare degli amici, quegli amici con la A maiuscola. Vi domanderete cosa ci facciamo a Poncarale, 5 novembre di sabato, con nebbia annessi e connessi? Gli amici, hanno organizzato un evento di beneficenza e solidarietà per la ns Associazione, domenica 6 novembre ai laghi Mella, proprio qui a Poncarale, per questo siamo venuti , per riabbracciare amici a cui vogliamo un mondo di bene,Enrico Bonzio,  Roberto Agnelli, Paolo Naccari, Luigi Lamperti e Pietro, il simpaticissimo gestore del ristorante interno ai laghi. Loro sono gli organizzatori dell’evento di pesca e solidarietà che si svolgerà domenica 6. Arrivati ai laghi, ricca colazione, abbracci e baci, pacche sulle spalle e tantissime battute, ci sentiamo stranamente a casa, anche se c’e  una mescolanza di accenti diversi, ma non ci si fa caso, ci capiamo benissimo. Bene, dopo tutti i cerimoniali di accoglienza, Ciccio rompe gli indugi, vuole andare a pescare, il Paolo lo prende in parola e partono in macchina per andare a prendere delle attrezzature, nel frattempo che aspettiamo, io e Rocco, ci fermiamo a dialogare con un mito, Enrico Bonzio, che con la sua sigaretta trà le dita, ci racconta un po’ di spaccati della sua vita, e ricordiamo insieme anche tempi molto lontani, ma è bello sentire il vecchio saggio,vedere  il suo viso attraversato dalle rughe , che ci dicono che è un uomo vissuto, un uomo che ha anche sofferto, un uomo con gli occhi buoni un uomo che ha fatto un pezzo di storia dell’Italia pescaiola. Già l’Italia della pesca che non c’è più. Comunque dopo l’ottimo pranzo consumato da Pietro, e smessa la pioggerellina, ci accingiamo a fare quello che ci piace, pescare, incominciano a tirare fuori le canne, da inglese, fisse, da feeder, ognuno fa la sua pescata. Incominciano ad intravedersi i primi persici, anche belli a pezzatura, un paio di cavedani,qualche cardon e poi la pastura fa il suo lavoro, certo abbiamo quì l’esperto di pasture, chi meglio di lui? Mr Pan&Company ovvero Roberto Agnelli titolare dell’azienda. Si allamano le prime belle carpe, poi esce un bel gatto, e poi sbam, arrivano loro le big, tutta roba sopra i 5 kg, divertimento allo stato puro e ancor più bello quando ridai loro la libertà,fantastico. Io personalmente ho chiesto di fare un paio di lanci con l’inglese, volevo testare questo nuovo attrezzo di Ciccio, che leggendo una recensione di Luciano Mereu, mi aveva incuriosito,non sto qui a rielencare tutti i pregi di questa canna, perché ne ho constatato personalmente il valore con una bella regina da quasi 10 kg che tirava come un treno, basti pensare che sto in sedia a rotelle, ma difficoltà zero, la canna ha lavorato magnificamente, ma il gesto più bello è stato vedere Enrico Bonzio che mi guadinava la carpa, grande capitano. Però con il sopraggiungere dell’imbrunire, incominciamo a rifare su gli attrezzi e tra una chiacchiera ed un’altra ancora, ci mettiamo seduti a tavola per la cena offerta da Pietro e Nadia, i titolari del ristorante ai Mella. Bellissima serata in un contesto gradevole ma soprattutto con gli Amici, che ci fanno sentire a casa, che ci omaggiano della loro presenza, ci sentiamo felici, e dico questo perché, senza offesa per nessuno, il popolo bresciano è un po’ chiuso, da poca confidenza, è schivo, ma mi sono ricreduto positivamente, dalla prima volta che ho conosciuto questi ragazzi, allegri, scanzonati, cordiali. Potreste mai immaginare un bresciano ed un calabrese in macchina che se la ridono come matti? No? Invece si amici miei,Paolo bresciano doc purosangue e Ciccio altrettanto purosangue, ma calabrese, si divertivano come matti, tra battute e sfottò. Questa è la pesca signori, accomuna e unisce l’impensabile, questa è la foto che ci piacerebbe vedere sempre e comunque. Detto questo, arriva la mattina della gara, alle 06,30 il parcheggio dei Mella sembra la strada di un mercato, c’è un vociferare da tutte le parti, sono arrivati i garisti, e anche qualche curioso  spettatore, ricca colazione e via ai sorteggi. Ognuno comincia con la propria auto a portarsi nelle postazione del proprio picchetto, la gara è a tecnica libera, quindi colpo con roubasienne, feeder, e colpo all’inglese. Abbiamo due laghi su tre a disposizione, che spettacolo, anche la nebbia che fa da contorno, ha voluto omaggiarci. Sirena, pronti via, ogni tanto in mezzo alla nebbia si sente qualcuno che prende in giro qualcun altro, e giù risate corali, tant’è che mi chiedo, ma è una gara? Si lo è per come è stata organizzata, ma non lo è nello spirito di questi pescatori, che sono venuti fino ai Mella, anche da altre province, perché guidati dallo spirito di solidarietà. Quindi noi dell’Associazione “ Noi amici della pesca per la sclerosi multipla”, dobbiamo un immenso ed infinito grazie a questi ragazzi, che sono arrivati per contribuire alla causa che è “ la ricerca “ sulle malattie neurologiche degenerative invalidanti. GRAZIE e ancora GRAZIE……………….          Bene, si arriva alle premiazioni, in un contesto di allegria generale, non ci sono ne vinti e ne vincitori, ma siamo tutti vincenti, Mario Molinari premia i settori feeder ( chi meglio di lui ), Lamperti, Agnelli, Naccari, Scarcella, Famà ed io premiamo i ragazzi del colpo. E la festa continua, pranzo e dopo pranzo tra chiacchiere e qualche bicchiere, il comitato organizzatore convoca me Ciccio e Rocco, rappresentanti dell’Associazione, e ci consegnano con un assegno, i soldi raccolti con questa manifestazione, l’assegno è di € 3.250. Ragazzi ci siamo commossi , non è poco quello che è stato raccolto, è una bella somma di tutto rispetto, che metteremo a disposizione della ricerca e di chi individualmente ha bisogno, basta contattarci tramite mail a questo indirizzo        pesca.solidarieta@gmail.com        oppure visitando il ns sito www.amicisclerosimultipla.org .   Il Direttivo Luciano Mereu,Rocco Scarcella, Anna Callegaro ed io Fabrizio Fracassi, insieme ai ns più stretti collaboratori: Alessandra Mureddu, Ciccio Famà, Agostino Murgia Capello,Raffaele Guria, Sebastiano Sedda, Roberto Guidi e Piergiorgio Forcella, vogliamo ringraziare pubblicamente: i laghi Mella, nella persona del suo gestore Luigi Lamperti, che insieme a Enrico Bonzio, Roberto Agnelli, Paolo Naccari e Alessandro Donini, hanno organizzato per noi questa bellissima e riuscitissima manifestazione, i gestori del ristorante, Pietro e Nadia, la Mav Gas di Massimo Sartori e tutti i pescatori, amici e spettatori intervenuti in massa. Le società sportive: Asd laghi Mella- Spsd Brixia- Lenza Paradiso         Gli sponsor tecnici  Milo-Italica-Colmic-Betti sport Preston ed infine la Trabucco,rappresentata  dai ns amici di sempre e sempre in prima fila, Maurizio Fedeli e Maurizio Biolcati.   Un grazie particolare al maestro Mario Molinari, che ci segue dagli albori della nascita dell’Associazione e poi all’amico e ns testimonial, Giampiero Anelli in arte Drupi,  ti vogliamo bene Giampiero.   Poi dovuto e doveroso il ringraziamento va Silvio Fattori e a tutta la redazione di Pianeta Pesca, che ci permettono di raccontarci sulle loro pagine.   Vi aspettiamo tutti, la prima domenica di Novembre del 2017, per la seconda edizione di questa manifestazione, che verrà calendarizzata ogni anno e sempre la prima domenica, a partire dal prossimo novembre.

Un ringraziamento sentito e personale dal vs reporter   Fabrizio Fracassi